Orologio dell’apocalisse

 

L’Orologio dell’Apocalisse, il Doomsday Clock, è fermo dal 2018 a due minuti dalla fatidica “ora X”, ossia il punto di svolta oltre il quale l’umanità non riuscirà a evitare una catastrofe atomica. Per quanto si tratti di una scadenza del tutto simbolica, il fatto che l’orologio sia fermo alla stessa ora è il segno tangibile della sfiducia della stragrande maggioranza degli scienziati sulla possibilità di trovare, a livello politico, risposte condivise e coerenti ad alcuni gravi problemi che affliggono l’umanità e il Pianeta.

La valutazione sullo stato delle cose e la decisione di regolare di conseguenza l’indicatore chiamato Doomsday Clock è presa, ogni anno, dal Bulletin of the Atomic Scientists, un ente che oggi comprende anche 14 premi Nobel e che dal 1945 si batte per il disarmo nucleare. Inoltre, oltre alla questione degli armamenti, negli ultimi anni il consorzio di scienziati ha voluto tenere conto di un altro cavaliere dell’apocalisse: il cambiamento climatico.

Il fatto che l’orologio sia fermo alle 23:58 dal 2018, non è una buona notizia. Lo sottolinea con forza Rachel Bronson, presidente del Bulletin: «Questo non deve essere inteso come un segno di stabilità, ma come un forte avvertimento ai leader e ai cittadini di tutto il mondo». Del resto, solo in due occasioni – dal 1947 a oggi – l’orologio è stato altrettanto vicino alla mezzanotte.

Riteniamo che la preoccupazione del mondo scientifico sia giustificata anche dai recenti sviluppi nella politica mondiale, primo tra tutti il fatto che l’IRAN possa possedere a breve la bomba atomica, poi il fatto che nel 2019 gli estremisti islamici abbiano utilizzato i droni per bombardare i pozzi arabi. Sono segni di un nuovo e pericoloso passo verso la “mezzanotte”.

Se sui droni si potrà, nel prossimo futuro, montare delle piccole testate nucleari, c’è forse il dubbio che gli estremisti non le useranno contro le citta del mondo occidentale? Hanno avuto riguardo, nel 2011 a lanciarsi con aerei pieni di persone sulle torri del  World Trade Center di New York?

Il pericolo nucleare annunziato, spiega l’interesse degli extraterrestri per i siti nucleari (vedi articolo e video  UFO e militari”), e avvalorano la tesi biblica della “fine dei tempi” annunziata e descritta in modo chiaro sui Vangeli e spiegata in chiave ufologica sul nostro trattato.

Staff Iarga

 

CIVILTÀ EXTRATERRESTRE

alla ricerca delle nostre origini

SCARICO GRATUITO 

 

Potrebbero interessarti anche...